Scarica il Comunicato in PDF

“Finalmente le professionalità sanitarie equiparate al ruolo dei dirigenti
sanitari”
“Dopo anni di battaglie da parte dell’Unadis, finalmente arriva il giusto
riconoscimento per le professionalità sanitarie al Ministero della Salute. Il disegno
di legge Lorenzin, licenziato ieri sera alla Camera e che concluderà il suo iter
parlamentare oggi, prevede l’equiparazione giuridica ed economica dei dirigenti
delle professionalità sanitarie ai dirigenti del SSN. Un grande risultato per il
sindacato e una grande vittoria per chi, da oltre 20 anni (dal DPCM 13.12.1995),
lavora al servizio del Ministero con compiti e attività delicatissimi e, fino ad oggi,
senza un adeguato riconoscimento”.
Il segretario generale Unadis, Barbara Casagrande, commenta così
l’approvazione da parte della Camera dell’articolo 17 del ddl Lorenzin, per cui
oggi è previsto il voto finale.
“Dopo i vari incontri che ci sono stati in questi anni, siamo finalmente arrivati a
questo punto”, commenta Floriano Faragò, segretario organizzativo Unadis e
responsabile della sezione Salute e Aifa del sindacato. “Un ringraziamento va alla
ministra, Beatrice Lorenzin e al capo di Gabinetto del Ministero della Salute,
Giuseppe Chinè, da sempre sensibile al ruolo delle professionalità sanitarie. Si
tratta di un importante passo in avanti, perché oltre alla valorizzazione del lavoro
svolto in questi anni, spesso nell’ombra, dà la possibilità a molti professionisti che
hanno i requisiti di intraprendere un percorso di carriera, al pari dei dirigenti del
SSN”.
In particolare, è l’articolo 17 del ddl Lorenzin approvato stanotte alla Camera a
prevedere che i dirigenti delle professionalità sanitarie siano collocati nel ruolo
della dirigenza sanitaria al Ministero della Salute.
A giovare del provvedimento saranno circa 230 dirigenti, oggi inquadrati nel ruolo
delle professionalità sanitarie.
Ufficio stampa Unadis
Angela Corica