Abbiamo l’impressione che stiano per abbattersi altri tagli sulla PA, e che per farlo sia partita una campagna mediatica contro i pubblici uffici e i suoi dirigenti.
Non abbiamo fiducia sul fatto che saranno tagli mirati, ordinati a incentivare l’efficienza: già un anno fa, in occasione della spending review, segnalammo dove e come si poteva semplificare, snellire e risparmiare. MA NON SIAMO STATI ASCOLTATI PERCHE’ GLI UFFICI CHE INDICAVAMO COME DUPLICAZIONI ERANO – E SONO – FUNZIONALI A DARE POSTI ALLA POLITICA.
Questa impressione è confermata da voci (di corridoio) che prefigurano provvedimenti del Governo volti ad aumentare le percentuali degli esterni nella dirigenza pubblica: l’incremento di costi sarà, allora, l’effetto finale, e non il risparmio, nè la semplificazione.
I CITTADINI DEVONO SAPERE CHE, SE E DOVE, LA PA NON FUNZIONA E’ PER L’INSERIMENTO SCONSIDERATO DI ESTERNI CHE E’ STATO OPERATO NEGLI ULTIMI ANNI, A DISCAPITO DI VINCITORI DI CONCORSO, DIRIGENTI DI RUOLO, COMPETENTI E PREPARATI E CAPACI ANCHE – SE NECESSARIO – DI DIRE “NO” AD UNA AZIONE ILLEGITTIMA.

Si riportano alcuni articoli recenti della stampa, e due note di Unadis sul tema.

Ed è solo l’inizio.

Scarica il Comunicato UNADIS del 10 luglio 2013 (commi 6)

e sullo stesso argomento l’articolo pubblicato su il “Fatto Quotidiano.it”: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/11/pa-governo-di-larghe-intese-e-di-larghe-sistemazioni/653126/

Scarica l’articolo del Corriere della Sera di Angelo Panebianco

Scarica la risposta di Unadis all’articolo di Panebianco

Articolo CorSera del 15.07.2013 – Pietro Ichino

Articolo SG Unadis su CorSera – Risposta a Pietro Ichino

Articolo SG Unadis – completo

Di seguito l’apprezzamento del Segretario Generale CNEL all’articolo di Unadis del 16 luglio 2013: Mail dal Segretario Generale CNEL