Nella Sala Azzurra di Via XX Settembre ha avuto luogo l’incontro per informazioni sullo schema di DM relativo all’applicazione dell’art.1 comma 685,  della Legge 205/2017 che prevede,  “per il personale addetto alla verifica della conformità economico-finanziaria dei provvedimenti normativi e delle relazioni tecniche e della connessa funzione di supporto all’attività parlamentare e governativa, in ragione degli obblighi di reperibilità e disponibilità a orari disagevoli”, una maggiorazione dell’indennità di amministrazione o della retribuzione di parte variabile in godimento.

Col Decreto in questione, quindi, sono individuati, tenendo conto delle modalità di svolgimento delle attività citate, le misure e i criteri di attribuzione delle maggiorazioni nonché il personale interessato (su proposta dei Capi Dipartimento), nel limite di spesa di 7 milioni di euro per il 2018 e 2,5 milioni dall’anno 2019. Le maggiorazioni sono erogate mensilmente, sulla base dell’effettivo svolgimento dell’attività attestato dai Capi Dipartimento, previo monitoraggio svolto nell’ambito di ciascun ufficio interessato.

L’art. 2 cc.2 e 3 disciplinano il monitoraggio mensile, volto a verificare l’assenza delle condizioni che legittimano l’attribuzione delle maggiorazioni, disponendone in tal caso la sospensione per il periodo oggetto di monitoraggio, che può essere temporaneamente attribuita ad altro personale, fermo restando il limite di spesa e previa comunicazione al Dipartimento dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi. Il Capo dell’amministrazione generale provvede annualmente all’aggiornamento dell’elenco del personale beneficiario, su proposta dei singoli CD e previa verifica del rispetto dei criteri fissati e dei limiti di spesa.

Per il periodo antecedente l’entrata in vigore del decreto, il monitoraggio e la relativa verifica sono effettuati in relazione alle attività svolte dal personale a decorrere dal 1° gennaio 2019. Le nuove regole si applicano anche tenendo conto di modifiche organizzative, ivi incluse le variazioni nella consistenza del numero delle unità di personale avente diritto alle stesse.

Quanto sopra rispecchia le spiegazioni interpretative date alle OOSS dal Capo Dipartimento dell’amministrazione Dr.ssa Vaccaro in risposta ai chiarimenti chiesti dalle singole sigle.

In merito all’opportunità di versare ai fondi di amministrazione le somme almeno dal 2020, stante i malumori del personale operante nel medesimo ufficio e nel medesimo Ministero centrale e periferico, il Capo Delegazione di parte Pubblica ha fatto presente che, pur condividendo dell’idea , non ne riconosceva la fattibilità in quanto occorreva una modifica normativa.

Come ulteriori notizie si riportano qui di seguito le seguenti:

  • è in preparazione il decreto cartolarizzazione
  • si  sta lavorando alla formazione
  • afebbraio si parlerà del risultato
  • a fine gennaio primi di febbraio per verificare l’applicativo performance.

I referenti Unadis:

Mariarosaria Rossi 

Umberto Rosapane