Si è tenuta oggi, 28 febbraio 2018, la prosecuzione delle trattative tra l’Amministrazione e le OO.SS. sul tavolo della Dirigenza per l’Ipotesi di Accordo -  risultato anno 2016 – .

UNADIS nell’ultima riunione aveva ritenuto ancora inadeguato quanto proposto dall’Amministrazione e ne aveva spiegato le motivazioni.

L’amministrazione oggi ha presentato due ipotesi di accordo:

            – la prima, cosiddetta ipotesi pura, non prevedeva alcuna maggiorazione di risultato, con penalizzazione economica per circa 80 dirigenti;

       - la seconda, di tipo compromissorio, tendeva a ridurre quanto più possibile le sperequazioni attualmente in atti all’interno dell’area della dirigenza.

Unadis ha ritenuto opportuno sottoscrivere la seconda ipotesi, quella di compromesso, per tutelare al meglio tutta la dirigenza del Ministero della Salute, ringraziando l’amministrazione per gli sforzi fatti, ha concordato con la stessa l’impegno per una dichiarazione congiunta al fine di specificare che le maggiorazioni di risultato per i dirigenti di II fascia (medici, veterinari, chimici e farmacisti) sono corrisposte a titolo compensativo dei trattamenti economici complessivi percepiti.

La perfezione non esiste!

Unadis, inoltre ha anche chiesto l’utilizzo di parte del fondo (di circa 550.000 euro) da distribuire ai dirigenti di II fascia.

Unadis ha nuovamente chiesto l’istituzione di un tavolo ad hoc per il Servizio di Pubblica Utilità (1500).

Il Direttore Generale del Personale – dott. Giuseppe Celotto -, alla luce di quanto rappresentato al tavolo, ha accolto favorevolmente le nostre proposte, nonché quelle delle altre OO.SS. che hanno sottoscritto l’ipotesi d’accordo (CGIL,UIL e DIRSTAT).

Visualizza il Comunicato in PDF