Come ricorderete dalle nostre precedenti Informative, UNADIS, a tutela di tutti i dirigenti iscritti e simpatizzanti (essendo al Ministero della salute una delle maggiori Organizzazioni Sindacali per rappresentatività), fece impegnare– per iscritto – l’Amministrazione ad aprire e chiudere la trattativa concernente la retribuzione di risultato anno 2018 nell’arco di un mese con l’impegno di dare subito l’avvio alla retribuzione di risultato anno 2019, questo accadeva il 7 marzo 2020, è già passato un anno è la promessa non è stata mantenuta.

UNADIS ha portato avanti la trattativa, richiamando l’impegno dell’Amministrazione, e sollecitando più volte la definizione dell’Accordo già menzionato nell’interesse di tutti i dirigenti e ribadendo che negli altri Ministeri hanno già pagato la retribuzione di risultato dell’anno 2019 e si stanno avviando le trattative per l’anno 2020.

Siamo con due anni di ritardo.

UNADIS ha partecipato con la propria delegazione a tutte le riunioni chiedendo che fosse garantita una equa attribuzione del risultato senza sperequazioni all’interno della dirigenza, con questa aspettativa, al momento vana, UNADIS ha sempre sottoscritto gli Accordi. Ma quest’anno qualcosa è cambiato…

Ci troviamo difronte ad una situazione dove dirigenti a parità di funzioni, di valutazione e di fascia economica sono sperequati rispetto ad altri.

In particolare, si appalesa una sperequazione economica all’interno della dirigenza sanitaria (medici veterinari, chimici e farmacisti) nei confronti dei colleghi amministrativi che percepiscono l’articolo 7 da Unadis sempre sin’ora sottoscritto.

Oggi, insieme all’Accordo sulla retribuzione risultato anno 2018, “inaspettatamente” viene proposto l’Accordo sull’articolo 7 anno 2019, nel quale all’ articolo 5 si propone di perequare i dirigenti amministrativi all’indennità di struttura complessa dei sanitari.

UNADIS ha ribadito che firmerà, come in passato, solo se gli Accordi vengono trattati congiuntamente- e a parità di anno-, non è corretto per i dirigenti con professionalità sanitaria essere pagati un anno dopo i colleghi dirigenti amministrativi. Infatti, i due sono stati firmati sempre contestualmente, ma quest’ultimo anno è successo qualcosa… Nel frattempo, l’Articolo 7 dell’anno 2018 del personale dirigente è stato pagato, è l’accordo relativo era stato firmato da UNADIS a marzo 2020 a seguito dell’impegno dell’Amministrazione di definire, a seguire, l’accordo per il risultato 2018, impegno dopo un anno non mantenuto.

UNADIS NON SOTTOSCRIVERA’ MAI ACCORDI CHE SPEREQUANO LA DIRIGENZA TUTTA, SIA CHIARO!

Valuteremo tutte le azioni utili per la tutela di tutti i dirigenti del Ministero della salute, penalizzati oltre che dalle citate sperequazioni anche di anni di ritardo nella corresponsione della DOVUTA retribuzione di risultato.

Sarà comunque fatta una nota a verbale da Unadis che sarà unita ai due Accordi per le valutazioni conseguenti nelle sedi opportune.

Il 17 marzo incontreremo il capo di Gabinetto, Presidente Zaccardi e a breve il Ministro, on. Speranza.