Il 25 settembre p.v. ci sarà l’ultima (speriamo!) riunione per la sottoscrizione dell’accordo per il pagamento del risultato 2017 dei dirigenti.

FP CGIL, CISL FP, UIL PA e UNADIS scrivono da ormai quattro anni all’Amministrazione chiedendo una regolamentazione degli incarichi aggiuntivi.

FP CGIL, CISL FP, UIL PA e UNADIS per ciò che concerne gli incarichi aggiuntivi hanno sempre affermato che “bisogna fare/scrivere prima le regole del gioco e poi mettersi ad un tavolo a giocare”. L’atteggiamento dell’Amministrazione fino ad ieri non aveva recepito le istanze volte alla tutela di tutti i lavoratori.

Riteniamo che il lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori del Ministero della salute debba essere ricompensato se, e quando, tale lavoro sia stato effettuato seguendo procedure trasparenti di affidamento degli incarichi, dando la possibilità a tutti i dirigenti di poter partecipare.

Patti chiari e amicizia lunga se si osservano le norme ed i contratti.

Riteniamo che premiare solo alcuni sulla base di promesse – e non di accordi scritti, come previsto dalla vigente normativa – non sia coerente né con la tutela né con l’equità del trattamento giuridico ed economico che deve essere garantito a tutti i dirigenti operanti nel Ministero della salute.

Riteniamo pertanto, che agire senza regole premi solo alcuni e non dia garanzie alla categoria, generando divisioni ed animosità.

Per questo abbiamo chiesto che ci fosse un accordo preventivo tra l’Amministrazione e le OO.SS. relativo alle modalità, nonché ai criteri per assegnare gli eventuali incarichi aggiuntivi che potrebbero essere oggetto di pagamento accessorio.

Questo premesso, pensiamo che l’accordo proposto dall’amministrazione sia sottoscrivibile e, per questo, apprezziamo l’impegno profuso dalla Direzione del Personale per incontrarci a più riprese, sia per accogliere e comprendere le nostre motivazioni.

CGIL: Domenico Mancusi                                  

CISL: Fabrizio Garroni                           

UIL: Massimo Ausanio

UNADIS: Floriano Faragò

Scarica il Comunicato in PDF